Tutti in cattedra Mengoni alla Statale.Prima parte.

guerriero

Fonte, Concetta Guido lunedì, 17 novembre 2014

Come ormai noto, Marco Mengoni il 20 Novembre “salirà” in cattedra all’Università Statale di Milano per un incontro con gli studenti e con cento vincitori del concorso per le domande migliori formulate ad hoc e selezionate da Corriere.it. Il tema dell’incontro: “Dal disco alla playlist. Come sta cambiando la musica e la sua fruizione nell’era digitale.” Mengoni affiancherà il prof. Federico Boni, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, e parlerà del suo nuovo lavoro discografico e della musica ai tempi di Internet. Mengoni è di sicuro un artista al passo con i tempi. Ha lanciato poco tempo fa un app. di grande successo per interagire con i suoi fans, il suo nuovo progetto discografico è molto innovativo per il nostro paese, prevedendo fra l’altro due tempi per la pubblicazione, perchè per lui la musica è in divenire e qualcosa da aggiungere al già pubblicato è sempre in “agguato”! C’è qualcuno che ritiene Marco Mengoni inadeguato per insegnare. Evidentemente – da qualche simpaticone poco informato sull’evoluzione che ha avuto la nostra Università- viene considerata una “lezione” una semplice conversazione con degli studenti che sono, al tempo stesso, degli ascoltatori di musica, trattandosi fra l’altro di studenti fruitori dei nuovi sistemi di ascolto. Da tempo si discute se le nuove tecnologie (MP3, Spotify, Youtube ecc.) servano a far conoscere la musica e i musicisti o se invece queste pongono un problema per le vendite.La discussione al riguardo è ancora in corso e ci saranno altre occasioni per riprendere il discorso. .È un fatto – e sarebbe grave ignorarlo – che i 15/ventenni di oggi conoscono i loro cantanti preferiti attraverso Internet e la rete, mentre i quarantenni e i cinquantenni (non parliamo dei sessantenni) hanno magari nostalgia del vinile o dei CD. Un fenomeno musicale, oggi, diventa immediatamente virale…Continua…