“SEI SEMPRE NEL NOSTRO CUORE”

marco

Anna Beniero

Sale sul palco un Marco energico ed apre con la sua Pronto a Correre dove il pubblico inizia a cantare a gran voce e le mani si alzano al cielo a tempo di musica. I brani ripercorrono questo grande percorso che Marco sta affrontando come Evitiamoci, Bellissimo, Non Passerai,

Non Passerai

Avessi un altro modo dove dalla decima fila si alza un enorme scritta “SEI SEMPRE NEL NOSTRO CUORE” e Marco risponde adattando alla musicalità del pezzo “Anche voi”, il live prosegue e nella scaletta vengono inseriti anche brani del precedente CD come Dall’ inferno con un arrangiamento spettacolare. Il concerto continua con I got the fear, brano coinvolgente ed energico che vede Marco alla chitarra, e Spari nel deserto dove nella presentazione ed i ringraziamenti verso Ivano Fossati autore del brano, Marco ha colto anche l’ occasione per ringraziare Francesco De Gregori delle bellissime parole che ha usato nei suoi confronti in una recente intervista rilasciata a Tv sorrisi e canzoni. Un salto qua e là nel suo repertorio con 20 sigarette, La vita non ascolta e l’ intensa Tonight, dove tra le due viene aggiunta la cover I need a dollar. La serata prosegue con Come ti senti, brano nel quale vengono riportate una serie di domande che sono state poste al cantante ne corso di questi quattro anni e tra una battuta e l’ altra i monologhi di Marco diventano sempre più intensi ed importanti, prima del pezzo La valle dei re ha parlato della sua gavetta, delle serate nei pub, delle porte in faccia ricevute, della partecipazione ad X- Factor ma che questo non basta per far capire alla critica cosa sei davvero “Ci metti quattro anni per far capire alle persone che magari anche tu hai qualcosa da dire”, Marco in questi anni ha sudato tanto, è cresciuto e sta crescendo ancora e in tutto questo c’è il suo Esercito ad accompagnarlo a spiccare il volo verso il meglio, ma soprattutto a non lasciarlo mai solo. Il concerto avanzi nel ritmo di Un’ altra botta, il coinvolgimento con il pubblico è sempre più ampio e raggiunge l’ apice con Questa notte con un nuovo arrangiamento e l’ inserimento del brano Sunshine Reggae e tra un botta e risposta di note tra il pubblico e Marco si giunge ad In un giorno qualunque dove lancia messaggi profondi sull’ amore perché “l’ amore, non come parola, ma come atto è proprio importante ragazzi, l’ emozione che una persona può provare davanti ad un amico, davanti al compagno, alla compagna o davanti un pubblico, perché io davanti ad un momenti di smarrimento mentale mi sono ripreso semplicemente facendo una data, perché credo che ci sia l’ energia che poi venga chiamata amore, sentimento” con queste parole Marco parla dell’ amore questa cosa grande che ognuno deve saper dare al meglio e continua “io di quello ho bisogno e secondo me ognuno di noi ha bisogno di quello… perché vedere un sorriso da una persona io torno a casa.. Io ho guadagnato 100 anni di vita, torno a casa felice e contento.. Spero che tutti questi sorrisi che io mi sto prendendo spero veramente che non si fermino assolutamente mai” con queste parole e nella commozione generale Marco abbraccia il suo pubblico e non smette di ringraziare guardando tutti gli occhi che ha di fronte. In questa serata fantastica si prosegue a ballare dal ritmo coinvolgente di Non me ne accorgo che vede ballare il pubblico e ci si avvicina ai ringraziamenti, il tutto accompagnato dalle note del brano Get Lucky dei Duft Punk a cui Marco accenna qualche parola di Psycho Killer, celebre brano del Talking Heads, i ringraziamenti vanno al management, allo staff, ai musicisti Luca Colombo, chitarrista e direttore musicale, Gianluca Ballarin al piano tastiere e alle programmazioni, Giovanni Pallotti al basso, Andrea Pollione all’organo e alle tastiere, Peter Cornacchia alla chitarra, Davide Sollazzi alla batteria, oltre a tutte queste persone si arriva al grazie vero e di cuore che Marco rivolge Esercito “ Io vi dico che davanti ai miei occhi si trova una parte, forse la più importante del mio mestiere, cioè coloro che permettono a noi tutti di andare avanti, di essere credibili agli occhi delle altre persone, di essere credibili agli occhi degli altri colleghi e diciamo come ho detto prima che ci fanno sentire veramente bene ed io, non so in realtà come ringraziarvi al meglio, l’ unica cosa che posso fare è scrivere pezzi, cantare storie non solo mie, comunque storie in generale. Io spero che con questo pezzo, che sia un po’ la consacrazione di questo inizio d’ anno, di questo nuovo progetto, credo che questa parola che abbiamo tirato fuori io e gli altri autori di questo pezzo, sia la parola che descriva di più voi e ricordatevi, perché io me lo ricordo anche se siamo stanchi e chi scappa, va via dop il concerto, ti fai 200-300Km, che io soprattutto, senza di voi non valgo un cazzo quindi il titolo di questo pezzo è l’ unica parola che posso darvi, regalarvi, grazie ancora” e con queste parole Marco dedica L’ essenziale al pubblico, che canta a gran voce condividendo l’ emozione con chi questo brano l’ ha cantato per la prima volta sul palco del Teatro Ariston a Sanremo. Il concerto è quasi giunto al termine e con i brano Natale senza regali ed Una parola si conclude la serata. In realtà potrei chiudere qua la recensione in cui racconto del concerto, però ho voglia di condividere, visto che questa parola è Essenziale in questo tour, una piccola riflessione personale. Le luci si riaccendono, guardo la gente attorno a me e cosa vedo?! Tanti sorrisi, tanta gioia nel cuore di chi aveva passato la giornata con me, occhi lucidi e tanti complimenti nell’ aria anche da parte di chi vedeva e sentiva Marco live per la prima volta; in mezzo a tutta questa meraviglia mi avvio alla macchina per tornare a casa e guardo davanti a me con un sorriso sincero e pieno chi incontro per strada e cammino a testa alta sempre più sicura di me stessa, perchè il concerto appena finito non è stato solamente il concerto di una persona con una gran voce che riempie le mie orecchie di buona musica e stop, no, è stato molto di più, è stato il concerto di un ragazzo con una grande anima che ha tanto da trasmettere, messaggi veri ed importanti, perchè in quella serata l’ ho visto davvero felice e libero di vivere e condividere le emozioni con chi aveva davanti. Un’ altra serata da incorniciare e portare nel cuore.