Mad World

Marco Mengoni Mad World : foto di Robert Merlini


Grazie, ELISA SABBATINI ECHELON per il tuo approfondimento di questo splendido pezzo, di tutte le preziose informazioni che ne fornisci e del raffronto che ne fai tra le versioni di Marco e dei suoi predecessori e grazie di avercelo fatto pubblicare.

 

MAD WORLD   (di Elisa Sabbatini Echelon)

 

Mad World by Tears For Fears Original HQ 1983

Forse non tutti sanno che ‘Mad World’ è una canzone del gruppo inglese Tears for Fears, scritta da Roland Orzabal e cantata dal bassista Curt Smith. È stata pubblicata come terzo singolo estratto dall’album di debutto del gruppo The Hurting, ed è stato il primo singolo ad ottenere popolarità, raggiungendo la terza posizione della UK Singles Chart nel novembre 1982! E’ un po diversa da come la fa Marco! Il ritmo è molto più serrato e l’elettronica che a quei tempi imperava la fa da padrona. Vent’anni dopo il brano è stato registrato in una nuova versione dai compositori Michael Andrews e Gary Jules per la colonna sonora del film Donnie Darko. A chi non ha visto il film, consiglio di vederlo! E’ considerato tra i 100 film più belli della storia del cinema! Donnie Darko è un film fantastico del 2001 scritto e diretto da Richard Kelly al suo esordio, riproposto al cinema nella versione director’s cut, più lunga di 20 minuti, nel 2004. La pellicola è diventata un vero e proprio film culto, grazie alla sua miscela di esoterismo e fantascienza, anche se gli incassi al box office furono, all’epoca della prima uscita, abbastanza bassi (517.375 dollari), cosa che non si è ripetuta in occasione della seconda uscita, che ha visto il film ottenere un grande successo anche al botteghino

Da qui nascono tante covers di questo brano compresa quella di Marco! In questa versione scompare la batteria e con lei tutti gli effetti elettronici, il tempo rallenta e c’è solo voce piano e archi! Un capolavoro oserei dire! C’è anche la versione di Adam Lambert e anche Elisa l’ha incisa nel 2009 è stata usata anche come colonna sonora di altri film, spot pubblicitari e videogiochi.

Questa è stata la prima volta che ho ascoltato Marco fare questo pezzo dal vivo, il sipario si è chiuso, lui si è inginocchiato e ha cominciato a cantare questo brano che lui ha definito una preghiera per un mondo pazzo, un mondo dove ci sono la guerra le ingiustizie ma anche tante cose meravigliose! Lui come ho già detto la ripropone quasi fedelmente nella versione di Gary Jules, solo pianoforte e voce e già questo basta ed avanza! Ma la parte più bella arriva alla fine quando lui improvvisa e impreziosisce il brano con dei vocalizzi che sono un urlo di disperazione ma anche un orgasmo, proprio a sottolineare quanto c’è di brutto e di bello in questo Mad World! Molti lo hanno criticato per i troppi vocalizzi ma secondo me è proprio in questi momenti che lui si mette a nudo e ci mostra la sua anima. La parte finale di questo pezzo mi ricorda tanto il bellissimo brano dei Pink Floyd ‘The great gig in the sky’, forse il brano più bello della storia della musica rock!

In conclusione Marco con questo brano è rimasto fedele alla cover di Gary Jules senza modificarla come invece hanno fatto altri con risultati discutibili! Il brano ha una melodia molto bella, semplice e lineare, ed è perfetta così !aggiungere abbellimenti o svisi significava rovinare la perfezione di questo gioiello! Ma sappiamo bene che non è da Marco Mengoni riproporre un brano sempre allo stesso modo e quindi c’è questo finale improvvisato dove lui dà sfogo a tutta la sua creatività,nel finale non è fedele più a nessuno ma solo a se stesso !senza stravolgere il brano lo impreziosisce e arricchisce facendolo suo e regalandoci ogni volta qualcosa di speciale e unico. Nel finale ci mette tutto se stesso, anima cuore sentimento,gioca con la voce libero finalmente di esprimersi come più gli piace! si emoziona e ci emoziona e ogni volta è un colpo al cuore. Questo è Marco, questa è la sua grandezza e questo è il motivo per cui lo amo!

3 thoughts on “Mad World

  1. Sì anche in questo brano Marco lascia la sua impronta: fantastico!!
    Grazie per questa analisi!!

  2. Grazie per l’emozione Elisa.. davvero bella.. ho visto diversi cantanti interpretarla, ma nel modo che lo fa un artista come Marco è davvero impressionate.. da brividi !!

  3. Uno dei pezzi musicali più belli e interessanti dei favolosi Tear for Fears, che mi hanno accompagnato in quel “periodo musicale” insieme ad altri grandi artisti!
    Grazie Elisa, condivido appieno tutto quello che hai esposto; l’interpretazione di Marco è veramente eccezionale! Dà tutto di sè e avvolge di emozioni tangibili che riempiono le nostre anime avide di sensazioni donandoci benessere fisico e morale!

Comments are closed.